La cittadinanza britannica

passport UK

Come si diventa cittadini britannici?

Ho deciso di mettere assieme in questa pagina un po’ di informazioni dato che ogni tanto mi chiedono come abbia fatto ad ottenerla ed anche per sfatare le famose “urban legends” (miti metropolitani) su questo argomento.

Premetto di non essere un avvocato e che le leggi in UK su questa delicata materia cambiano spesso: è quindi bene informarsi sul sito ufficiale del Home Office.
Agli inizi della mia procedura avevo pensato di rivolgermi ad un avvocato specializzato in materia ma dopo averne contattati diversi ho capito che alcuni di loro non ne sapevano molto (alcuni mi diedero anche informazioni sbagliate) quindi scelsi per il metodo fai da te.

Questo non vuol dire che gli avvocati non siano preparati, forse sono stato sfortunato io…se volete affidarvi ad un avvocato vi consiglio però di sentirne almeno due o tre diversi prima di incominciare.

Comunque il metodo fai da te non è poi così impervio.

Requisiti generali

Residenza

I cittadini EU possono richiedere la cittadinanza dopo un anno dall’essere diventati permanent resident

Lo stato di permanent resident lo si acquisisce automaticamente dopo aver vissuto 5 anni consecutivi in UK: Attualmente prima di iniziare la domanda di cittadinanza è necessario richiedere un documento che riporti tale stato.

Attenzione: ottenere la Permanent Resident card (Document certifying permanent residence for EEA or Swiss nationals) e diventare residenti sono due cose diverse: Lo stato di permanent resident lo si acquisisce automaticamente dopo aver vissuto 5 anni consecutivi in UK, la card…è solo un ”pezzo di carta” che conferma il vostro status.

Quindi è possibile fare domanda dopo 6 anni vissuti in UK (5 per diventare permanent resident + 1)

Non dovete aver passato fuori dal paese più di 90 giorni negli ultimi 12 mesi e più di 450 giorni fuori dal paese nei cinque anni precedenti.

Chi è sposato con un cittadino britannico può far richiesta dopo 3 anni

Maggiori  informazioni si possono avere qui: https://www.gov.uk/becoming-a-british-citizen

Buona condotta

È necessario non aver riportato condanne penali di una certa rilevanza ed essere of Good Character: quest’ultima definizione è piuttosto vaga.
Per fortuna non avendo ricevuto nessuna condanna civile o penale non ho molto approfondito questo tema
Meglio cercare sul sito del Home Office se necessario
NOTA: alcune infrazioni al codice della strada come guidare parlando al telefonino, guida in stato d’ebrezza e infrangere i limiti di velocità sono reati che possono avere rilevanza PENALE in UK anche se non si va in carcere.

 Esame Life in UK

Trattasi di un esame a scelta multipla: 24 domande a scelta multipla da rispondere in 45 minuti e 50 Pound da pagare

Per passare l’esame bisogna rispondere correttamente al 75% delle domande (almeno 18)

Prenotatevi tramite il sito ufficiale solo dopo aver studiato il libro ufficiale

Di solito l’esame è in formato elettronico e la risposta vi viene data appena finito il test.
Sono esentati i minorenni , chi ha più di una certa età e chi ha problemi mentali certificati da un medico.

Se si sbaglia l’esame? Basta pagare di nuovo altri 50 pound e riprovare…fino a che ci si riesce o fino a che si hanno soldi 😉

Esame di lingua inglese

Questo nuovo requisito ”balzano” è stato introdotto recentemente: come si faccia a vivere da 6 anni in un paese, passare il test Life in UK e lavorare senza sapere la lingua non lo so…però è così.

È esentato chi ha ricevuto una laurea o un dottorato in UK. Per tutti gli altri bisogna fare un test d’inglese.

Il First Certificate, lo IELTS o una certificazione di livello B1 dovrebbero andar bene: meglio vedere sul loro sito la lista di certificazioni accettate.

Per tutti i requirements ed eventuali altre esenzioni controllate bene qui: https://www.gov.uk/english-language

Attualmente l’esame è amministrato dal Trinity College e il centro d’esame più vicino a Reading è a London Hammersmith.
L’esame si può fare senza dover necessariamente partecipare ad un corso, costa sulle 150 sterline e ci si può prenotare online qui : http://www.trinitycollege.com/site/?id=3218

Il test dura attualmente una decina di minuti ed è solo parlato. Potete vedere qui un esempio di esame: http://www.trinitycollege.com/site/?id=3365

Il modulo

Dovete scaricare, leggere attentamente, stampare e compilare un copioso modulo reperibile qui https://www.gov.uk/government/publications/application-to-naturalise-as-a-british-citizen-form-an

Di solito per gli adulti il modulo AN è quello corretto.

Non vi fate spaventare dal modulo: non tutte le pagine vanno compilate ed è abbastanza chiaro.

Tramite il medesimo link potrete scaricare anche una guida alla compilazione del modulo.

Ma chi vi conosce??!?! I testimoni

Pare una cosa folle ma a voi…chi vi conosce?
Dato che tutte le domande sono fatte per posta come fanno a sapere che voi siete chi dite di essere?

Servono 2 testimoni che certifichino la vostra identità: all’interno del modulo troverete un foglio dove apporre la vostra foto e due testimoni dovranno firmare il modulo dichiarando di conoscervi da almeno 3 anni.

Un testimone deve essere un cittadino britannico senza problemi con la legge.
L’altro testimone deve essere un professionista (di una nazionalità qualsiasi): ci sono varie ”qualifying professions”  medico, professionista iscritto ad un charter (tipo di albo), notaio, avvocato, manager, director di azienda, dentista, poliziotto, accountant etc etc….

Maggiori info le trovate qui: https://www.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/118585/countersignatories.pdf

P.s.: per fare da testimone per la cittadinanza i testimoni devono essere 2 e conoscervi da almeno 3 anni, non importa se hanno un passaporto UK o meno (ma uno dei due deve essere britannico) mentre per ottenere il passaporto vi servirà un  solo testimone che deve essere britannico, “professionista”, ed avere il passaporto britannico valido.

I soldi

Diventare britannici non è gratis….c’è una fee da pagare che attualmente ammonta a 1282 sterline per gli adulti e 973 sterline per i bambini. [al 04/2017]
Per la lista completa delle fees potete far riferimento a questo documento
La fee non viene rimborsate se la domanda venisse rigettata o se ci ”ripensate” dopo aver presentato la domanda!!

Il Checkup…

Non vi preoccupate…nulla di medico!! Questo non è uno step obbligatorio ma ve lo consiglio caldamente per evitare di pagare 1236 pound e vedervi rifiutata le domanda!!

Quasi tutti i comuni (Councils) offrono un servizio di ”Nationality checking service’‘ che costa dai 50 ai 70 pound.
Controlleranno i vostri documenti, se la domanda è compilata correttamente, faranno delle fotocopie certificate dei vostri documenti e vi restituiranno gli originali.
Solo se tutta la fase di check sarà positiva invieranno la domanda per posta speciale al Home Office che si prenderà i famosi 1236 pound dalla vostra carta di credito o debito (o assegno) solo quando riceverà la domanda.

Non siete obbligati ad usare il comune dove risiedete: potete andare ad un comune qualsiasi che offre questo servizio. La lista è disponibile qui: https://www.gov.uk/government/collections/nationality-checking-service

Cosa succede dopo ??

Dopo un paio di settimane dall’inoltro della domanda riceverete una lettera con un numero di riferimento: conservatela! Potrebbe tornarvi utile.

Recentemente è stata introdotta una procedura di rilevamento delle impronte digitali: vi potrebbe venir richiesto quindi di rilevare le vostre impronte. Non saprei dire se è una cosa che viene richiesta a tutti o ”a campione”.

Comunque non è nulla di che: vi arriverà una lettera che vi inviterà a recarvi al più vicino Post Office che offre il servizio di Identity che provvederà a prendervi le impronte digitali elettronicamente.

Di solito entro 6 mesi dovreste ricevere un’altra lettera che vi informa dell’esito della vostra domanda.

Se vi hanno concesso la cittadinanza dovrete partecipare alla cerimonia presso il vostro Register Office che in un paio di settimane vi scriverà per invitarvi alla cerimonia: se ciò non dovesse accadere contattateli!!! Se la cerimonia non viene svolta entro un certo tempo la domanda viene annullata…quindi state attenti.

Non vi preoccupate troppo della cerimonia: essa è rapida ed indolore: vi diranno cosa fare e dire il giorno stesso. Easy!

Dopo la cerimonia vi verrà consegnato il certificato di cittadinanza: non ve lo perdete!! Non ve ne daranno un’altro…e per ottenere una specie di duplicato ci vuole tempo e SOLDI. Quindi…conservatelo gelosamente!!

Ma il passaporto?!?!

Molti (se non tutti) i Nationality checking service hanno attivato da poco uno nuova procedura per ottenere il passaporto congiuntamente alla cittadinanza: si deve pagare una fee aggiuntiva (circa 14£), portare 2 foto identiche a quella usata nel modulo della cittadinanza e un modulo per passaporti (reperibile all’ufficio postale o tramite il sito ufficiale del HMPO)

Se la domanda di cittadinanza verrà accettata riceverete il passaporto per posta un paio di settimane dopo la cerimonia di cittadinanza.

Se non avete scelto questa opzione alla cerimonia riceverete solo il certificato di cittadinanza e dovrete poi successivamente applicare per il passaporto compilando il modulo che potete trovare alla posta.

Potete anche richiedere il modulo, che vi arriverà già parzialmente compilato, tramite il sito del Ufficio Passaporti (HMPO)

Niente file in questura o commissariato: peccato 🙁

Attenzione ad utilizzare SOLO IL SITO UFFICIALE del HMPO!!! Ci sono dei siti che non lo sono e vi chiedono dei soldi per un servizio che non offrono veramente….attenti!!

Se utilizzate il modulo preso alla posta vi consiglio di presentare la domanda  tramite gli uffici postali che offrono il servizio Passport Check & Send: pagherete un pochino di più ma controlleranno che tutto è compilato bene e che la domanda è corredata di tutti i documenti necessari prima di inviarla al Ufficio Passaporti (HMPO).

Dopo aver inoltrato la domanda riceverete (in genere) un SMS ed una lettera dall’ufficio passaporti che vi inviterà a prendere un appuntamento con loro per un ”colloquio”.

Non recatevi presso questi uffici senza appuntamento: non vi faranno entrare, non risponderanno a nessuna delle vostre domande…recatevi lì solo il giorno e l’ora del vostro appuntamento.

Il colloquio è di solito molto rapido: devono solo accertarsi che voi siete chi dite di essere.

Non vi daranno il passaporto! Ve lo spediranno nel giro di 15 giorni circa a casa.

Urban legends

Q: Io e mio marito siamo italiani. Nostro figlio è nato in UK quindi è automaticamente inglese…
A: Dipende! La Kyenge non è ancora arrivata qui e lo Ius soli non c’è in UK. [od almeno non c’è più dal 1983]..
Dal 2006 vale la seguente regola:

Se vostro figlio è nato prima che uno dei due genitori divenisse permanent residents (5 anni in UK) può diventare cittadino britannico se lo richiedete.

In genere la regola è che quando uno dei genitori diventa ”settled” (permanent residen) si può fare domanda di naturalizzazione per il figlio.
Non è necessario che anche i genitori diventino britannici per fare domanda ma se tutto il nucleo familiare diventa britannico ci dovrebbero essere degli sconti sulle fee da pagare.

Se vostro figlio è nato quando almeno uno dei genitori era già permanent resident allora è già britannico.

..Children born in the UK to EEA/Swiss parents are normally British citizens automatically if at least one parent has been exercising Treaty rights for five years. If the parents have lived in the UK for less than five years when the child is born, the child may be registered as British under section 1(3) of the British Nationality Act once the parents complete five years’ residence… [fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/British_nationality_law#Before_1983]

Questa regola si applica a figli dei paesi membri della UE quindi mi sa che se non avete ancora fatto nulla è il momento di agire!!

Q:Non sono mai stato iscritto all’A.I.R.E. e quindi non posso diventare britannico
A:Il governo britannico della A.I.R.E se ne frega altamente! Non sa manco che esiste e secondo me gli fa anche vomitare l’idea che un cittadino britannico all’estero debba ”registrarsi” per avere qualche forma di assistenza o di servizio. Infatti non esiste per i britannici residenti esteri un corrispettivo dell’AIRE.

Q:Se divento britannico perdo la cittadinanza italiana?
A: NO! Purtroppo o per fortuna non succede (per citare Gaber). Si rimane anche italiani e da vari anni è decaduto l’obbligo di informare il governo italiano della acquisizione della cittadinanza britannica…quindi tutto ok.  Potrete avere 2 passaporti senza problema. Tutto legale.

Q: La cittadinanza è un diritto?
A: No! E’ una gentile concessione del governo nella persona del Segretario di Stato.

Disclaimer

Tutte le informazioni contenute nell’articolo hanno scopo meramente informativo. Non sono un avvocato e non mi assumo responsabilità per quello che ho scritto. Vi consiglio caldamente di verificare tramite i siti ufficiali del governo britannico: le disposizioni in materia di cittadinanza e passaporto cambiano frequentemente

Se il vostro caso è complesso potete chiedere aiuto ad un avvocato specializzato in materia di immigrazione e cittadinanza. L’elenco ufficiale lo trovate qui: http://solicitors.lawsociety.org.uk/

Commentate pure :-)